Questo sito utilizza cookies tecnici, di profilazione anche di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente. Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante ACCETTO, ne consenti l'utilizzo.

Eugen Galasso

Eugen Galasso

Fontana straparla, ma il problema immigrazione esiste

Scivolone del candidato governatore in Lombardia, Attilio Fontana, che aveva straparlato di "razza bianca" minacciata (avrebbe fatto meglio a ventilare le proprie dimissioni che comunque, dopo il chiarimento che ha diffuso, sarebbero state non accettate e ritirate). Ma il problema non sono le scivolate di Fontana: il fatto col quale confrontarci è che l'immigrazione incontrollata è reale. E non lo si risolve certo con parole come quelle dette da monsieur Moscovici (Commissario europeo all'economia), il quale fa anche un'indebita interferenza nell'agone politico italiano, volendo "tirare la volata" al PD che, spero, venga penalizzato dalle urne.

Edwin Hawkins se n'è andato

Ci sono persone che, anche per una sola realizzazione, una sola opera d'arte realizzata, meritano di entrare nel Pantheon, quello vero, della storia dell'umanità e della cultura (non quello cui ambiva un re truffaldino...): è il caso di Edwin Hawking, nato nel 1943 e morto a 74 anni, pianista, compositore, cantante di gospel, il cui arrangiamento di "Oh, Happy Day", merita di entrare da sola nell'empireo della musica.

  • Published in Musica
  • 0

Un libro alla testa della campagna anti-Trump

Insensata, direi, la campagna di stampa anti-Trump, ora promossa dal e con il libro in uscita del giornalista "à la une", dove sembra voluta l'intenzione di delegittimarlo e di sfrattarlo dalla "White House", senza dargli neppure il tempo di replicare...

Le presunte interferenze nella questione russa o meglio della Federazione russa, notoriamente sono tutte da provare, sempre che non si voglia, magari, cercare di riportare alla presidenza (o meglio di portarla, ma per molte persone sembrava già cosa fatta, nel 2016) Hillary Clinton, la Hillary pubblica mentitrice all'epoca dell'"affaire Lewinskj" e che non si dia ragione sempre e comunque a un "Democratic Party" che ebbe, a parte il grande Roosevelt e il già più discutibile J.F.K. (Kennedy) "illustri" rappresentanti come il candidato (poi "indipendente") George Wallace, razzista mai pentito...

Ma tornando al libro, che intanto va via come il rosolio, adesso fioccano le smentite di chi ha fatto dichiarazioni. E l'autore dice "ho bussato alla porta (della Casa Bianca???), mi hanno aperto, mi sono seduto sul divano e ho ascoltato (???). Mah. (n.d.d.)

Eugen Galasso

Subscribe to this RSS feed