Esodo e Confini, rassegna di film a Bolzano

Lunedi sera prende avvio la rassegna di film con entrata gratuita al cinema Capitol che ha per tema conduttore le storie di immigrazione.
Proprio il cinema ci può stimolare a cogliere aspetti sui quali spesso si discute ma che in realtà sono poco conosciuti. Le immagini dei film focalizzano situazioni vissute nel mar Mediterraneo e nel nostro Adriatico, passando per la Francia, attraversando poi l’Atlantico per raggiungere il muro che separa gli Stati Uniti d’America dal Messico.

Questa rassegna di interessanti film ha per titolo “Esodo e Confini”, è stata ideata da Adel Jabbar ed è organizzata da Cedocs con il sostegno della Presidenza della Provincia di Bolzano e della Fonazione Cassa di Risparmio, ed intende offrire ai cittadini dell’Alto Adige un’opportunità di confronto su un fatto di grande rilevanza quale la questione dei profughi, dei migranti e delle realtà di confine.

Esodo e Confini è una occasione basata su uno strumento molto semplice e di impatto, come è la visione di un film, che può far nascere negli spettatori delle personali riflessioni su una situazione di rilevanza epocale che va compresa in termini di sistema perché le realtà territoriali oggi sono fortemente connesse tramite un insieme di flussi di merci, di informazioni nonché di movimenti di popolazioni.

La seconda serata di proiezioni, sempre ad entrata gratuita, sarà giovedi prossimo 31 ottobre.

Aspetto interessante della rassegna è la presenza in sala al Capitol di alcuni dei registi dei film in programma: alla fine delle proiezioni di lunedi, Stefano Grossi, regista di “Rotta contraria”, si confronterà con il sindacalista Artan Mullaymeri e con il pubblico mentre giovedi 31 sarà la regista Simona Carnino, che ha diretto il film “the power of passport”, ad intervenire in sala.

La giornata di chiusura dell’iniziativa Esodo e Confini sarà venerdi 8 novembre con inizio alle 17 e 30. Nella sala di Tre Santi si alterneranno a dibattere importanti e qualificati esperti esponenti della Provincia, della Caritas, delle locali Consulte Immigrati e di realtà associative.
Dopo la proiezione di un documentario originale di Mauro Podini e prima della conclusione con l’esibizione di un gruppo di musicisti locali che assicureranno un finale di forte impatto, pezzo forte della manifestazione sarà l’intervento del giornalista di “Repubblica” Concetto Vecchio che presenterà il suo libro “Cacciateli! Quando i migranti eravamo noi” edito da Feltrinelli.

Last modified onSabato, 19 Ottobre 2019 13:38

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.