Questo sito utilizza cookies tecnici, di profilazione anche di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente. Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante ACCETTO, ne consenti l'utilizzo.

"The Raven" (il corvo), opera poetica in scena a Bolzano

Nell'ambito della stagione d'opera a Bolzano, il 3 e il 5 di marzo (rispettivamente ore 20 e ore 18) va in scena al Teatro Comunale (Sala Studio) l'opera o meglio l'opera-danza che Toshio Hosokawa, compositore giapponese, ha tratto dal poema "The Raven" (il corvo) di Edgar Allan Poe (1809-1849), il più grande scrittore americano dell'Ottocento (ma anche in genere, a livello mondiale e in tutte le epoche), grande cantore del Romanticismo, nella sua dimensione sovratemporale e anche horror-gotica ("The Tales of the Grotesque and the Arabesque") e di mistery- detection (prima di Sherlock Holmes dell'inglese Sir Arthur Conan Doyle, l'invenzione di Auguste Dupin, detective, è di Poe), ciò che chiamiamo, all'Europa "polar-giallo-Krimi".

"The Raven", scritto nel 1845, riallacciandosi alle vicende tragiche di Poe (che aveva perso la moglie amata), narra della visita del "raven" all'uomo che ha perso la sua amata, continuando a ripetergli": "Nevermore!" (mai più), è una delle grandi opere poetiche di ogni tempo, anche a livello metrico. L'opera è un tentativo di dare (se possibile) maggiore forza al testo poetico, con l'apporto della cantante (mezzosoprano) Abigail Fisher e della danzatrice Alice Raffaelli.

Regia e coreografia di Luca Veggetti, direzione musicale di Yoichi Sugiyama. Nell'originale inglese (imperdibile la musicalità) con sovratitolo in italiano e tedesco.

Eugen Galasso

Last modified onDomenica, 12 Febbraio 2017 21:27

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.