Questo sito utilizza cookies tecnici, di profilazione anche di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente. Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante ACCETTO, ne consenti l'utilizzo.

Esodo e Confini. Inaugurazione tra dibattito e musica

Dopo lo splendido inizio a Merano, la manifestazione "Esodo e Confini - cinema, musica e conversazioni", ha proseguito con la conferenza stampa ufficiale a Bolzano presso la Sala dell’Antico Municipio in via Portici, che dalle ore 18 ha visto la partecipazione dell’assessore comunale Sandro Repetto e della rappresentante dell’Ufficio di Presidenza della Provincia, Alexandra Poeder. Entrambi hanno insistito sull'importanza del dibattito, non solo politico ed istituzionale ma soprattutto civile, in tutti i sensi. Scopo della politica e dell'informazione è (o meglio dovrebbe essere) quello di informare da una parte e quello di porre rimedio ai problemi dall'altra. Ciononostante, purtroppo, sia il mondo dell'informazione - specie dopo l'avvento e la diffusione dei social networks - ha subito un'evoluzione complessa e difficilmente controllabile, molte sono le fonti, poche quelle realmente attendibili. In questo modo ci si ritrova sommersi di informazioni, spesso dal contenuto corretto, ma allo stesso tempo spesso incomplete. Ciò rende ancora più fondamentale il ruolo di stampa e il ruolo della politica.

bzcop2

Dopo il breve dibattito e l'intervento di Adel Jabbar, la serata è proseguita con la musica e la simpatia del gruppo “Zio Cantante”, che nella splendida cornice del Centro per la Cultura meranese hanno dato vita ad un vero e proprio spettacolo musicale multietnico. La band infatti propone un repertorio di canzoni tradizionali e popolari proveniente da tutto il mondo, ri-arrangiate e rielaborate per l’occasione. Come nella serata di Merano abbiamo avuto occasione di ascoltare in particolare pezzi latino, balkan e rebetiko, la storia della musica del mondo. Il tutto con la simpatia e la professionalità di Erjon Zeqo (multistrumentista e cantante), Felipe Rossel (multistrumentista) e Samir Amato (percussionista).

bzcop3

IL PROGRAMMA DELLA SETTIMANA

Le giornate di mercoledì 17, giovedì 18 e martedì 23 saranno invece il punto focale della manifestazione con le proiezioni al Capitol Filmclub dei documentari in rassegna e con le tavole rotonde con registi e scrittori. Da Raffaella Cosentino, giornalista e documentarista, specializzata in diritti umani, migrazioni e mafie, a Dagmawi Yimer, documentarista e mediatore culturale originario dell’Etiopia, saranno tanti i personaggi che interverranno durante le 6 giornate della rassegna. Tutti gli appuntamenti saranno ad ingresso libero.

Oggi vi aspetta il dibattito tra scrittori, filosofi e registi alle ore 18 presso la Sala Antico Municipio di Bolzano (via portici 30, al secondo piano) e dalle ore 20.30 al cinema Capitol di Bolzano ed in contemporanea al Centro per la Cultura di Merano, le proiezioni dei film. Qui di seguito il programma della serata:

Ore 20.30 - 23.30 - Cinema Capitol – sala 2 - Via Dr. Streiter 8d - BOLZANO

Proiezioni dei film in rassegna (prima serata)

The Treacherous Aegean Sea di Hala Bou Saab Libano 2016, durata 48 min.

Sponde - Nel sicuro sole del Nord di Irene Dionisio Italia 2016, durata 60 min.

Les Fremissemenents du Tè di Marc Fouchard Francia 2014, durata 20 min.

 

Ore 20.30 – 23.00 - Centro per la Cultura - Via Cavour 1 - MERANO

Proiezioni di film in rassegna

Sul Fronte del Mare (sottotitoli in tedesco), di Raffaella Cosentino Italia 2016, durata 36 min.

Les Sautreus, di Moritz Siebert, Estephan Wagner e Abou Bakar Sidibé Danimarca, 2016, durata 80 min.

Conversazione con il regista Dagmawi Yimer

 

Il programma completo e ulteriori approfondimenti su film, libri e sugli ospiti sono ricavabili dal SITO UFFICIALE.

Last modified onMercoledì, 17 Maggio 2017 10:13

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.