Questo sito utilizza cookies tecnici, di profilazione anche di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente. Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante ACCETTO, ne consenti l'utilizzo.

Eugen Galasso

Eugen Galasso

Teatro Stabile Bolzano: Wordbox (parole per il teatro).

Il progetto del "box" teatrale realizzato dal Teatro Stabile di Bolzano include anche "I Cavalieri" di Aristofane (grande testo "reazionario") ed i dialoghi tra Don Quijote e Sancho Panza, ma chi scrive ha visto solo "Hamletbox". 

Hamletbox. Regia di Roberto Cavosi. Testi e interpretazione di Sara Cavosi, Aurora Martina Meneo e Fabio Marson. Decostruzionismo assoluto, dove Hamlet è un attore triestino un po'"démodé", che cerca-brama-teme il successo in un teatro sfortunato del 1914... Ofelia è una "folle" ricoverata nel 1952 in un ospedale psichiatrico, leggi manicomio, decisamente pre-basagliano, i becchini sono... Inserti video con interviste agli altri, direzione artistica di Ben Johnson, l'anti-Shakespeare, presenze varie di di tutte le tragedie di uncle Bill, altro materiale sparso.

Sceneggiatori/scrittori/attori (ma il tutto andrebbe declinato piuttosto al femminile, vista la presenza determinante del forte gentil sesso, da anni una presenza necessaria sulle scene e, come qui, nell'ante-messa in scena). Ci si diverte, certo, soprattutto conoscendo il Bardo, il più grande autore teatrale di ogni tempo, ma si ragiona anche, con le/gli interpreti autrici/autori su come sarebbe stato se... se Hamlet fosse impazzito sul serio e non per ingannare lo zio, se Ofelia non fosse morta sul serio ma...avesse avuto un "doppio", se ...etc, nell'incessante work in progress che è la creatività e la sua forma più estrema e sempre riformabile (altro che "ecclesia semper reformanda", "theatrum semper reformandum"!) e che ci mostra come tutto sia in divenire, con buona pace di Parmenide e di Emanuele Severino...

Da vedere, da seguire con attenzione, magari alcune volte, if possibile...e anche i testi sono da rileggere, per fare un lavoro più completo.

Eugen Galasso

"Con spietato ardore": a Bolzano Teatro Blu mette in scena la vita del martire Mayr Nusser

Da segnalare senz'altro questo spettacolo, dal titolo "Con spietato ardore" (quasi un ossimoro, molto efficace) su Josef Mayr Nusser (1910-1945), martire della fede e prossimo beato (la cerimonia relativa è prevista il 18 marzo), cattolico esplicitamente e dichiaratamente avverso al nazismo, "Dableiber" (ossia renitente all'opzione per la Germania nazista), morto di stenti in un carro bestiame quale oppositore del Fuehrer nazista (arruolato a forza nelle SS non giurò ad Adolf Hitler), messo in scena al Teatro Cristallo da Teatro Blu, per la regia del dottor Nicola Benussi, fondatore e responsabile del teatro stesso.

Lo spettacolo è andato in scena qualche giorno prima della beatificazione di Mayr Nusser, beatificazione che senz'altro riabiliterà il vescovo Ivo Muser anche di fronte all'opinione pubblica progressista, anche ovviamente cattolica, che non ha mai amato alla follia questo vescovo, ratzingeriano dichiarato, conservatore ben oltre Papa Francesco e molti altri prelati. Chi ama il beato Frenademetz forse non ama troppo Mayr-Nusser, ma forse sono solo "empie" considerazioni... Per dirla schematizzando al massimo, Muser riesce a "segnare un goal" anche negli ambienti curiali ma anche (ciò cui forse tiene di più) nell'opinione pubblica, lui che anni fa in un'omelia si scagliava contro Lady Gaga (colpevole di essere più famosa di lui?).

Tornando a "Con spietato ardore", come sempre nelle intenzioni e nelle prove fornite da questo valido gruppo teatrale, è uno spettacolo anti-retorico, come anche capace di coinvolgere su temi importanti, dove la memoria storica si lega con l'attualità (il tema è tuttora dibattuto, specie se consideriamo i rigurgiti di nazismo, purtroppo mai espunti e/o superati), legandosi a tante problematiche connesse, ad iniziare, per es., dal tema del martirio, connesso con la problematica di fondo, di grande attualità anche per un laico, dove naturalmente il "martirio" è tema che va letto da un altro angolo visuale.

Se una volta tanto possiamo riproporre l'affermazione "historia magistra vitae" ("la storia è maestra di vita", Cicerone, De Oratore, ricordando che la proposizione intera di Cicerone è molto più ricca e "ornata") questo è senz'altro il caso in cui essa si avvera in modo importante.

Eugen Galasso

Eutanasia: alcuni spunti per una riflessione

In un testo efficace sulla questione eutanasia-testamento biologico apparso in "QN" del 2 marzo, Claudio Martelli cita alla fine, dal Cantico delle Creature di San Francesco d'Assisi, la parte relativa a "Sorella Morte".

"Querelle" aperta sulla "libera morte" di Dj Fabo. Il rischio della strumentalizzazione e della distorsione del tema "eutanasia".

La vicenda, certo tragica, ma amplificata ad uso dei mass-media, del D.J. Fabo, che ha scelto l'eutanasia in Svizzera per porre fine al suo stato di totale disabilità, è stata ampliata ad arte da Marco Cappato, a nome dell'Associazione "Luca Coscioni", associazione come noto di area radicale.  Il Partito Radicale è notoriamente in crisi dopo la morte di Marco Pannella; ora si cerca di ri-attivarlo con questa vicenda, che certo ripropone interrogativi bioetici e biopolitici, ma non va (credo) proposta-imposta a tamburo battente, in termini ultimativi, a rischio di avere una sorta di una paradossale "blindatura orwelliana" ("1984"), di obbligatoria (o quasi) "libera morte": la querelle è aperta, certo, ma non deve essere strumentalizzata né in un senso né nell'altro.    

Eugen  Galasso 

Subscribe to this RSS feed