Un cielo ... senza scie!!! (con una bella poesia di Gianni Rodari)

 

Snapshot 20200601 1 quibzit Snapshot 20200601 quibzit2

Per quanto tempo ancora potremo godere di un cielo così?

 

GIANNI RODARI, Filastrocche in cielo e in terra (Torino, Einaudi 1960).

Qualcuno che la sa lunga
mi spieghi questo mistero:
il cielo è di tutti gli occhi
di ogni occhio è il cielo intero.

È mio, quando lo guardo.
È del vecchio, del bambino,
del re, dell'ortolano,
del poeta, dello spazzino.

Non c'è povero tanto povero
che non ne sia il padrone.
Il coniglio spaurito
ne ha quanto il leone.

Il cielo è di tutti gli occhi,
ed ogni occhio, se vuole,
si prende la luna intera,
le stelle comete, il sole.

Ogni occhio si prende ogni cosa
e non manca mai niente:
chi guarda il cielo per ultimo
non lo trova meno splendente.

Spiegatemi voi dunque,
in prosa od in versetti,
perché il cielo è uno solo
e la terra è tutta a pezzetti.

Last modified onMartedì, 02 Giugno 2020 14:43

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.