Questo sito utilizza cookies tecnici, di profilazione anche di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente. Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante ACCETTO, ne consenti l'utilizzo.

Il "chavismo" questione sociologica prima che politica?

In una pubblica dichiarazione resa a "Telesur", e spesso riproposta, una persona insospettabile come Ignacio Ramonet, studioso e docente di teoria dei mass-media, a lungo direttore di "Le Monde Diplomatique", propone la seguente valutazione dello "chavismo", ossia della concezione politica di sinistra dominante in Venezuela (che include anche l'ultimo lustro, di presidenza del successore di Chavez, Nicolàs Maduro Moros, oggi - scrivo a urne ancora aperte in Venezuela - ricandidatosi alle elezioni presidenziali): "El chavismo es una cuestiòn sociologica ante que politica" (Il chavismo è una questione sociologica prima che politica) e spiega come ciò si motivi con la partecipazioni delle classi umili, le più povere, al potere.

  • 0

Facciamo lo Spid?

Sempre piu' bolzanini stanno prendendo coscienza che e' necessario saperne di piu' di e-government. Perche' e' il futuro! Perche' e' cosi' che si dovra' fare tra qualche mese - al massimo tra qualche anno ... ma pochi ... - per rapportarsi con gli uffici pubblici.

  • 0

Un governo M5Stelle e PD?

Senza ben sapere che cosa sia "l'inciucio" (non capisco l'etimologia della parola), pur comprendendo che cosa si intenda con esso, temo che qualcosa di simile si realizzi: "Lega " e "5 Stelle" (due partiti per i quali non ho mai votato né penso che mai voterò, senz'altro mai per i "grillini"...) hanno comunque vinto le elezioni e quindi , se ne sono capaci, facciano un governo, cercando di governare e non di "sgovernare".

  • 0

Amministrazione digitale: La sicurezza dei nostri dati

Quando si parla di Internet spesso ci vengono in mente spaventosi scenari legati alla sicurezza dei nostri dati. Spesso le nostre paure sono fondate, ma nel caso dell'E-Gov-Account i nostri dati sono al sicuro. Possiamo confermare quanto detto perché le informazioni personali che forniamo alla pubblica amministrazione non possono che essere legate all'utilizzo all'interno del sistema digitale della P.A., non avrebbe senso ne sarebbe legale che gli uffici provinciali vendessero i nostri dati a terzi, proprio per la loro natura pubblica. Si trattasse di fornitori di servizi privati naturalmente la questione sarebbe maggiormente discutibile. In aggiunta i nostri sistemi di accredito digitale, che si tratti di SPID o della CARTA SERVIZI, usufruiscono di notevoli sistemi di sicurezza, alcuni di essi legati alle nostre scelte, vediamo quali. I sistemi di sicurezza sono 3 (per i più esigenti: sono legati alla norma internazionale ISO-IEC 29115) e questi crescono progressivamente in base alla sensibilità del servizio erogato.

Il Primo Livello garantisce un buon grado di affidabilità grazie all'utilizzo di Nome Utente e Password (che sceglierete voi al momento dell'iscrizione). Generalmente il nome utente (talvolta identificato con il nome Account) è la vostra mail, o meglio quella che avete utilizzato al momento dell'iscrizione. La password, anch'essa creata nel corso dell’autenticazione, richiederà di seguire alcune semplici regole: essa deve essere composta da almeno 8 caratteri, di questi sarà obbligatorio averne almeno uno maiuscolo (o almeno uno minuscolo), un simbolo ed un numero. La password legata all'e-gov account deve essere modificata ogni 6 mesi (verrete avvisati).

computer 1591018 960 720

Il Secondo Livello protegge con un alto grado di sicurezza il proprio account. Essa usufruisce, oltre che del primo livello (nome utente e password) anche della famigerata “One Time Password”, ossia l'invio da parte del sistema di un SMS o una MAIL all'utente per accertarne l'identità prima di lasciarlo accedere ai servizi. Si tratta dello stesso sistema che utilizzano le banche con l'Home Banking.

Il Terzo Livello rappresenta il massimo sistema di sicurezza oggi utilizzabile ed è legato all'uso del lettore di tessere (o Token fisico come talvolta viene chiamato). Esso viene impiegato con la Carta dei Servizi attivata presso un centro civico o un comune (dove vi verrà anche fornito il lettore). Come spiegavamo negli articoli precedenti oltre al lettore e alla tessera, per utilizzare questo sistema di sicurezza saranno necessari anche un software ed i codici PIN E PUK.


Potete trovare maggiori informazioni sul SITO UFFICIALE MyCIVIS. Per qualunque dubbio o problema non esitate a contattare la cooperativa CEDOCS (Corso Italia, 13; Telefono: 0471 930096; Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) che si occupa di gestire corsi, appuntamenti, conferenze e sportelli riguardo l'E-Gov.

  • 0

Siria a rischio guerra. E l'Italia?

Gli orrori della guerra in Siria ci colpiscono ogni giorno. Civili sterminati sono un prezzo troppo alto per le lotte di potere nell'area. Tuttavia pensare ad un attacco con armi chimiche da parte di Assad, a mio modo di vedere, è più che solo problematico. Cerco di guardare le cose "cinicamente" o meglio realisticamente, non solo da incallito pacifista quale sono: ad Assad un comportamento criminale non conviene, diciamo la verità. Andrebbe a rischio di alienarsi anche l'appoggio, finora costante, di Putin, che è politico scaltro, prudente, anche "cinico" (invero anche senza virgolette). Ma chi ha gli elementi per potersi esprimere con cognizione di causa parla con più sicurezza: come il ministro degli Esteri inglese, Boris Johnson, che, impegnato in un incontro con il collega tedesco Heiko Mass, ha dichiarato: “Non ci sono dubbi sull'utilizzo del gas e non restano molte alternative sui responsabili: soltanto la Russia ha gli strumenti, le motivazioni e il passato”, e come Macron, il Presidente francese, che è stato più diretto: la responsabilità dell'attacco chimico è del rais siriano, Bashar el Assad

  • 0

Amministrazione digitale: Il MyCivis e i servizi nazionali

Se è vero che il sistema di e-gov si occupa di raggruppare tutti i servizi della pubblica amministrazione in un solo ed univoco sistema burocratico, vero anche che ad oggi alcuni servizi nazionali molto importanti (e per questo molto complessi da migrare) risultano ancora “esterni” al sistema myCivis, il portale d'accesso che utilizziamo per accedere ai servizi online.

Cosa significa? Significa che per ora il portale dell'INPS e quello dell'Agenzia delle Entrate (oltre a quello del portale dell'automobilista) non vengono trovati nel sistema myCivis, ma per accederci bisogna passare dai loro siti ufficiali.

Di conseguenza, per ora, l'accesso a questi servizi avviene dal proprio sito: dovremmo quindi, per esempio, digitare “inps” nel motore di ricerca, accedere al portale e selezionare la voce MyINPS per poter poi usufruire dei servizi della previdenza sociale.

L'accesso però, avverrà sempre attraverso le credenziali SPID, quindi niente paura, vi basterà utilizzare la solita mail e password.

Per tutti gli altri servizi invece, che si tratti dell'iscrizione alle scuole, alla richiesta DURP, al rinnovo dell'ABO e cosi via, si utilizzerà sempre il sistema MyCivis.

mycivis schermata

Per meglio evidenziare i molteplici (ed in continua crescita) servizi contenuti nel portale MyCivis, vi alleghiamo qui sotto la lista dei maggiormente richiesti, ve ne sono comunque molti altri nel sito omonimo.

  • Borse di studio alle studentesse/agli studenti frequentanti istituzioni universitarie o scuole ed istituti di istruzione e formazione tecnica superiore

 

  • Pendolari – contributi per spese di viaggio a favore di lavoratrici e lavoratori dipendenti

 

  • Fascicolo digitale per il personale provinciale

 

  • Personale del Ruolo generale dell'amministrazione provinciale e dell'amministrazione scolastica - Graduatorie

 

  • Casa Acquisto o costruzione prima casa - requisiti per accedere all'agevolazione e calcolo online dell'agevolazione

 

  • Contributo al canone di locazione e per le spese accessorie

 

  • eJobLavoro

 

  • Dichiarazione unificata di reddito e patrimonio - DURP

 

  • L'esame di bilinguismo

 

  • Assegno provinciale al nucleo familiare

 

  • AltoAdige Pass abo+ per alunne ed alunni e studentesse e studenti

 

  • Casa Recupero prima casa - contributi a fondo perduto per il recupero o acquisto e ristrutturazione

 

  • Casa Acquisto o costruzione prima casa - contributi a fondo perduto

 

  • Alloggi per studentesse e studenti universitari in Alto Adige

 

  • Pagamento dell'assegno di cura

 

  • Visure catastali e tavolari online
  • 0

Amministrazione digitale: Lo SPID via PosteID

La creazione dello SPID è una delle due vie attraverso le quali potrete accedere ai servizi E-Gov, l'altra è l'attivazione della Carta Servizi, di cui abbiamo parlato negli articoli precedenti.

Il sistema SPID è fornito da gestori privati, alcuni forniscono il servizio gratuitamente (o parte di esso), altri a pagamento, noi vi spiegheremo come iscrivervi al servizio utilizzando il portale delle poste italiane. L'interno procedimento non richiederà più di una decina di minuti, anche se sarà intervallato dalla necessaria identificazione ad un ufficio postale.

Potete accedere direttamente al Portale MyCivis e cliccare su LOGIN. A questo punto vi verrà richiesto con che metodologia vorrete “loggarvi” al sistema, voi scegliete pure SPID, anche se ancora non lo possedete.

Verrete portati alla pagina d'accesso allo SPID, a questo punto vi basterà cliccare sulla voce “Non hai ancora SPID? Registrati che troverete in basso.

spid identita digitale 1 milione

Nella schermata che segue vi verrà richiesto di registrarvi a POSTEID abilitato a SPID, benissimo, a meno che non abbiate già un iscrizione alle poste basterà che clicchiate sulla voce “Nessuno degli Strumenti Elencati” per accedere al modulo di iscrizione.

Attenzione: prima di proseguire accertatevi di avere sotto mano: Tessera Sanitaria, Carta di Identità, un cellulare che possa ricevere SMS ed una MAIL accessibile (quindi dovrete avere nome utente e password).

Dopo aver completato l'iscrizione verrà avviata la procedura di verifica e-mail e cellulare, vi verranno in pratica inviati dei codici che dovrete riscrivere nel computer sia sulla vostra mail che sul vostro cellulare. Questo per verificare i vostri due mezzi di comunicazione, questi codici non dovranno essere necessariamente conservati.

ux 788002 960 720

Successivamente dovrete inserire i dati della vostra carta di identità e scegliere se caricare una scannerizzazione della stessa nel sistema o farlo fare in posta. Visto che ad un ufficio postale dovrete recarvi comunque, il mio consiglio è di saltare questa parte e selezionare la voce “Identificazione presso un ufficio postale”.

Finita questa parte vi verrà inviata una mail con un codice fondamentale per essere identificati ad un ufficio postale (potete andare in uno qualunque, sono tutti abilitati), naturalmente in possesso dei vostri documenti di identità. Avrete 30 giorni di tempo e non potrete essere accettati prima di due ore dall'arrivo della mail, quindi magari recatevi il giorno dopo.

Dopo l'identificazione all'ufficio postale vi verrà inviata l'ultima mail con la conferma dell'attivazione ed una piccola guida sul come procedere.


Per qualunque dubbio o problema non esitate a contattare la cooperativa CEDOCS (Corso Italia, 13; Telefono: 0471 930096; Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) che si occupa di gestire corsi, appuntamenti, conferenze e sportelli riguardo l'E-Gov.


Copyright immagini: wikipedia.org / pixabay.com

  • 0

Amministrazione digitale: le conferenze, gli sportelli ed i corsi a Bolzano

La cooperativa CEDOCS, insieme a UPAD ha l'impegno di aiutare la popolazione ad avvicinarsi al mondo della Pubblica Amministrazione Digitale attraverso corsi, appuntamenti, conferenze e sportelli. Per questa ragione qui di seguito verranno riportati tutti i vari tipi di appuntamenti ai quali potrete prendere parte. Le conferenze e gli sportelli sono gratuiti, mentre i corsi (che sono organizzati su 4 incontri da 2 ore) sono a pagamento.

CONFERENZE IN ITALIANO

28 Marzo 2018, Sala Ortles (piazzetta Anne Frank 21), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

03 Aprile 2018, Sala Conferenze Antico Municipio (Via Portici 30), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

04 Aprile 2018, Palazzo Altman – Saletta B (Piazza Gries 19), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

12 Aprile 2018, Sala Rosenbach (Piazza Angela Nikoletti 4), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

19 Aprile 2018, Sala Fronza (Via Dalmazia 30/b), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

26 Aprile 2018, Sala Ortles (piazzetta Anne Frank 21), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

02 Maggio 2018, Sala Fronza (Via Dalmazia 30/b), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

03 Maggio 2018, Sala Rosenbach (Piazza Angela Nikoletti 4), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

 

CONFERENZE IN TEDESCO

10 Aprile 2018, Sala Conferenze Antico Municipio (Via Portici 30), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

08 Maggio 2018, Palazzo Altman – Saletta B (Piazza Gries 19), dalle ore 18.00 alle ore 20.00

 

SPORTELLI PRESSO I CENTRI CIVICI

Don Bosco: lunedì 9-apr 9.00-12.30

Urp: lunedì 9-apr 9.00-12.30

Don Bosco: mercoledì 11-apr 9.00-12.30

Don Bosco: lunedì 16-apr 9.00-12.30

Urp: lunedì 16-apr 9.00-12.30

Urp: mercoledì 18-apr 9.00-12.30

Don Bosco: mercoledì 18-apr 9.00-12.30

Urp: giovedì 19-apr 9.00-12.30

Europa: lunedì 23-apr 9.00-12.30

Europa: martedì 24-apr 14.30-17.00

Europa: martedì 26-apr 14.30-17.00

Europa: mercoledì 2-mag 9.00-12.30

Europa: giovedì 3-mag 14.30-17.00

Gries: lunedì 7-mag 9.00-12.30

Gries: martedì 8-mag 14.30-17.00

Gries: mercoledì 9-mag 9.00-12.30

Gries: giovedì 10-mag 14.30-17.00

Don Bosco: lunedì 14-mag 9.00-12.30

Don Bosco: martedì 15-mag 14.30-17.00

Don Bosco: mercoledì 16-mag 9.00-12.30

Urp: giovedì 17-mag 14.30-17.00

Urp: martedì 22-mag 14.30-17.00

Europa: mercoledì 23-mag 9.00-12.30

Europa: giovedì 24-mag 14.30-17.00

Europa: lunedì 28-mag 9.00-12.30

Gries: martedì 29-mag 14.30-17.00

Gries: mercoledì 30-mag 9.00-12.30

Urp: giovedì 31-mag 14.30-17.00

 


Per qualunque dubbio o problema non esitate a contattare la cooperativa CEDOCS (Corso Italia, 13; Telefono: 0471 930096; Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) che si occupa di gestire corsi, appuntamenti, conferenze e sportelli riguardo l'E-Gov.

 

  • 0

Amministrazione digitale: creiamo l'E-Gov Account

L'accesso alla pubblica amministrazione con mezzi digitali rappresenta l'ultima evoluzione del rapporto tra servizio pubblico e cittadinanza.

Dal 2018 sarà possibile, tramite l'utilizzo del portale MyCivis, affiancato alla sito ufficiale della Rete Civica dell'Alto Adige, accedere ad un numero sempre maggiore di servizi digitali.

Obbligatorio, per poter usufruire dei servizi digitali, sarà la creazione di un E-Gov-Account, ossia la propria identità digitale, mezzo attraverso il quale comunicare con la pubblica amministrazione.

Questo E-Gov-Account può essere creato attraverso due metodi distinti, e nessuno dei due esclude l'altro.

Il primo è attraverso l'utilizzo della Carta Servizi, ossia la vostra Tessera Sanitaria che, munita di microchip funge da chiave d'accesso ai servizi online (oltre che naturalmente valere come tessera sanitaria, tessera europea di assicurazione malattia e codice fiscale).

La Tessera Sanitaria per diventare “Carta Servizi” deve essere attivata: per attivarla bisogna recarsi personalmente presso un comune o un centro civico, dove verranno forniti codice PIN, PUK e un lettore. Solo con il lettore e l’apposito software.

Con la vostra tessera attivata, i codici alla mano ed il lettore potrete ora accedere ai servizi digitali dopo l'installazione di un apposito software (che sarà fornito con una pratica guida al momento dell'attivazione in centro civico).

L'utilizzo della Carta Servizi oltre a dare l'accesso alla pubblica amministrazione digitale, fornisce il livello di sicurezza massimo possibile, il Livello 3 (ne parleremo in un articolo dedicato).

qui.bz.egov 2

Il secondo metodo è attraverso l'iscrizione al Servizio SPID (Servizio Pubblico di Identità Digitale).

A differenza del sistema della Carta Servizi, con lo SPID non sono necessari ne tessera, ne lettore, ne codici PIN E PUK, ma semplicemente un Nome Utente ed una Password. Il livello di sicurezza risulterà leggermente inferiore, si arriva infatti gratuitamente solo al Livello 2, che comunque non è male.

Per utilizzare lo SPID bisogna scegliere un gestore di creazione SPID, si tratta di provider privati, come TIM, ARUBA, POSTE e molti altri. Alcuni forniscono un servizio gratuito, altri no.

Potete informarvi a riguardo attraverso il sito ufficiale SPID.

Una volta scelto il gestore preferito l'iscrizione avviene in parte online ed in parte fisicamente, ossia è richiesto di verificare la propria identità o via webcam o recandosi ad un ufficio predisposto, che possono essere le poste o l'agenzia delle entrate.

 


Per qualunque dubbio o problema non esitate a contattare la cooperativa CEDOCS (Corso Italia, 13; Telefono: 0471 930096; Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) che si occupa di gestire corsi, appuntamenti, conferenze e sportelli riguardo l'E-Gov.

 


Copyright immagini: pixabay.com

 

  • 0
Subscribe to this RSS feed