Questo sito utilizza cookies tecnici, di profilazione anche di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente. Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante ACCETTO, ne consenti l'utilizzo.

Brutta intervista di Kompatscher sull'elezione di Kurz

Vergognosa, direi (mi assumo la responsabilità di quanto scrivo) quanto afferma in un'intervista a Francesca Gonzato (in A.Adige, 17 ottobre 2017, p.17), il neogovernatore (ormai neppure neo, 3 anni e mezzo di carica, già) Kompatscher, per la rincorsa che la SVP compie verso la OEVP (partito popolare austriaco), guidato dal giovane (fisiognomicamente sembra, insomma, un pochino idiota, ma...) Schulz, decisamente in combutta (o almeno occhieggiante al) con il neo-nazista Strache (non populista ma proprio neonazista).

Dice Komptscher, in buona sostanza, che non ci sono pericoli di derive destroidi, e aggiunge anche la solita litania che "Kurz è un convinto sostenitore dell'autonomia" (l'Austria Schutzmacht: porco diavolo, lo era anche con Kreisky, ma di Kreisky, socialista, Arno Kompatscher non vuol parlare...).

Peccato che a livello economico, a parte il tema "emigrati" (su cui c'è da discutere, non possiamo accogliere tutti...), la OEVP e la SVP inseguano la "maledetta" CSU (Christlich Soziale Union, bavarese, ipercattolica, quando Strauss aveva proposto l'entrata nel partito anche ai protestanti, "graziosa concessione", giustamente il gran rifiuto...), che anche a livello bancario-finanziario ma di riflesso anche macroecomico ha causato la crisi di Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda, Italia e ...  lo si vedrà con il tempo, anche Europa dell'Est, con tutti i drammi sociali ancora in corso.

Il neo-liberismo è ricetta lacera e stracciona, che rende più ricchi i ricchi, impoverendo ancora di più gli altri!

Eugen Galasso

Last modified onSabato, 21 Ottobre 2017 21:14
More in this category: « SVP: politiche di destra

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.