assumere legalmente
Franco Boscolo

Franco Boscolo

Prodotti galenici in Farmacia - Cura Naturale: la Farmacia Verde

La Giornata mondiale dei farmacisti del 25 settembre 2024, promossa dalla Federazione internazionale farmaceutica (Fip), si concentra sul ruolo fondamentale dei farmacisti nell'agenda sanitaria globale. Il tema di quest'anno, "Farmacisti: protagonisti nelle esigenze sanitarie globali", sottolinea l'importanza della professione farmaceutica nel promuovere salute e benessere a livello universale.

La professione dei farmacisti contribuisce attivamente al miglioramento della salute e del benessere globale attraverso la ricerca e lo sviluppo di farmaci essenziali e la fornitura di servizi sanitari vitali. Le attività dei farmacisti vanno dalla prevenzione dell'HIV in Brasile alla vaccinazione dei bambini in Sudafrica, dal supporto ai pazienti diabetici in Libano all'educazione sulla corretta gestione dei farmaci nei Paesi Bassi, evidenziando il loro impatto significativo sulle comunità di tutto il mondo. Non ultima, va ricordata la fondamentale produzione di prodotti galenici e questo aspetto della professione del farmacista affrontiamo come primo di una serie in vista del 25 settembre 2024.

La preparazione galenica, nota anche come formulazione galenica, si occupa dei principi di preparazione e composizione dei farmaci per ottimizzarne l'assorbimento. Ecco alcuni aspetti importanti:
1. scopo: lo scopo principale della preparazione galenica è quello di trasformare un principio attivo in un farmaco pronto all'uso che può essere dosato in base alle esigenze.
2. farmaceutica: la formulazione galenica è una branca della farmaceutica che si occupa della natura, dell'azione, dello sviluppo, della sperimentazione, della produzione e della distribuzione dei medicinali.
3. componenti: Un medicinale comprende la formulazione del principio attivo (come compressa, crema, sospensione, soluzione), gli eccipienti (ingredienti inattivi come il lattosio) e il confezionamento (come blister, flacone, fiala) e, se del caso, il dispositivo di somministrazione (come inalatore, siringa preriempita).
4. studi di sicurezza: gli studi di sicurezza non clinici hanno i seguenti scopi: esplorazione della risposta a dosi fino alla dose massima tollerata, scoperta di possibili fonti di pericolo, generazione di dati sufficienti per una valutazione del rischio, supporto nella determinazione della dose per gli studi clinici iniziali, raccomandazione di "marcatori" per il monitoraggio della sicurezza nell'uso nell'uomo, creazione di una base per indagini mirate e specializzate.
5. studi clinici: nello sviluppo di una forma di dosaggio appropriata per gli studi clinici, si devono considerare fattori quali l'accettazione da parte del paziente e i requisiti specifici inerenti al farmaco stesso.

È importante notare che questi aspetti sono solo una parte della preparazione galenica e ci sono molti altri fattori che devono essere considerati.

Abbiamo rivolto alla dottoressa Franziska Baumgartner, farmacista, alcune domande su questo tema.
Quali tipi di prodotti galenici offre la vostra farmacia?
Nella nostra farmacia, come nella maggior parte delle farmacie, prepariamo unguenti magistrali, creme, miscele di tè, tinture, capsule e sciroppi. Durante gli studi, tuttavia, noi farmacisti impariamo anche a preparare supposte, ovuli (supposte vaginali), compresse e colliri sterili. Tuttavia, poiché la richiesta di queste preparazioni è scarsa e per la preparazione dei colliri sono necessari una camera sterile e un dispositivo di flusso della lamina, oggi sono raramente offerti in farmacia. Per la preparazione degli agenti chemioterapici è richiesta una formazione speciale di tre anni come farmacista ospedaliero.
Quali leggi si applicano alla produzione di prodotti galenici in Italia?
Nella produzione dei preparati magistrali devono essere rispettate le severe norme della Farmacopea Europea e Italiana. Ciò garantisce una qualità e un'efficacia costanti in ogni momento. La qualità della materia prima (sostanze di partenza) e la sua purezza devono essere verificate con diverse analisi chimiche e fisiche (analisi del punto di fusione e di ebollizione, densità, ecc.) Anche il contenuto standardizzato del principio attivo e il suo assorbimento ottimale (assorbimento e rilascio nel corpo umano) devono essere garantiti per le singole preparazioni.
Ci può spiegare qual è la differenza tra un unguento e una crema?
Gli unguenti e le creme si differenziano per la composizione, la produzione e l'applicazione. Una crema si basa su una preparazione olio-acqua, mentre un unguento è una preparazione acqua-olio. Di conseguenza, un unguento viene utilizzato per le aree cutanee molto secche, offre una protezione più forte e può anche aumentare l'effetto di alcuni principi attivi attraverso un effetto di occlusione. Le creme, invece, vengono assorbite dalla pelle molto più rapidamente. La scelta tra i due prodotti dipende dal tipo di pelle, dalle sue condizioni e dai principi attivi utilizzati.
Quali sono le forme galeniche più adatte alla somministrazione ai bambini?
Gli sciroppi sono particolarmente apprezzati dai bambini per il loro sapore piacevolmente dolce. Anche le preparazioni a base di tè e le creme o gli unguenti sono spesso utilizzati. Il grande vantaggio dei galenici per bambini e anziani è che la dose può essere personalizzata e si può tener conto delle intolleranze a determinate sostanze.
Esistono preparazioni galeniche speciali per il trattamento di malattie della pelle come l'eczema o la psoriasi?
Una buona cura di base della pelle è essenziale per le condizioni della pelle atopica. In questo modo si idrata, si ripara la pelle e si ripristina il microbioma cutaneo. Di conseguenza, le fasi acute delle rispettive malattie cutanee possono essere notevolmente ridotte o spesso addirittura prevenute. Durante la fase acuta, l'uso di creme contenenti cortisone è spesso essenziale. Tuttavia, queste dovrebbero essere utilizzate solo per un periodo di tempo limitato, altrimenti potrebbero verificarsi effetti collaterali. Se si verificano infezioni secondarie delle aree cutanee danneggiate, è spesso necessario l'uso di pomate antibiotiche o antimicotiche.
Come si differenziano le preparazioni galeniche liquide, come le tinture, dalle altre forme di dosaggio?
Le preparazioni liquide sono utilizzate soprattutto per i bambini e gli adulti che hanno difficoltà a ingerire le forme di dosaggio solide. Inoltre, le proprietà chimiche e fisiche di un principio attivo sono decisive. Una preparazione liquida offre la possibilità di un dosaggio personalizzato (adattamento all'età, al peso corporeo, ecc.) e spesso ha il vantaggio di un inizio d'azione più rapido.
Quali fattori influenzano la durata di conservazione dei prodotti galenici?
La durata di conservazione dipende da un lato dalla forma medicinale utilizzata (preparazione solida o liquida, forma di dosaggio) e dall'altro dalla stabilità dei singoli principi attivi. Le preparazioni liquide (gocce, succhi, colliri), così come le creme e gli unguenti, di solito hanno una durata di conservazione significativamente più breve dopo l'apertura. Anche l'uso di conservanti svolge un ruolo importante.
Posso ottenere una preparazione galenica personalizzata che risponda alle mie esigenze specifiche?
Questo è il grande vantaggio dei farmaci prodotti magistralmente. Questi possono essere adattati alle esigenze individuali (intolleranze, forme di dosaggio preferite, dosaggi individuali, ecc.)
Come si sceglie la formulazione galenica giusta per un determinato principio attivo?
Dipende dalle proprietà chimiche e fisiche dei principi attivi. La stabilità dei principi attivi, la solubilità, il valore del pH, ecc. giocano un ruolo importante.

Franco Boscolo

Per approfondire

In Gazzetta Ufficiale le norme per le preparazioni galeniche nelle parafarmacie (salute.gov.it) 
Società Italiana Farmacisti Preparatori (sifap.org)
Ass. Colltiv. piante officinali Sudtirolesi - Pflegerhof (suedtirol-kraeuter.it)

Tino

IL BOX DI RoboTINO© IA
RoboTino ci spiega che… Galeno di Pergamo (Pergamo, 129 – Roma, 201 circa)
è stato un medico romano, i cui punti di vista hanno dominato
la medicina occidentale per tredici secoli, fino al Rinascimento.
Dal suo nome deriva la galenica, l’arte del farmacista di preparare i farmaci.

FESTEGGIATA LA GIORNATA NAZIONALE DEL MARE

L’undici Aprile è, per l’Italia, la Giornata Nazionale del Mare. È stata istituita per riflettere sull’importanza del rispetto e della conoscenza del mare, risorsa preziosa per tutti e specialmente per l’Italia ampiamente circondata dal mare.

Relativamente al Progetto MER (Marine Ecosystem Restoration), esso è senza dubbio il più grande progetto sul mare nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza curato e attuato da ISPRA assieme al Ministero per l’Ambiente e la Sicurezza Energetica con un finanziamento di 400 milioni di Euro nel periodo 2022-2026.

Il progetto, in sintesi, prevede interventi per il ripristino e la protezione dei fondali e degli habitat marini, il rafforzamento del sistema nazionale di osservazione degli ecosistemi marini e costieri e la mappatura degli habitat costieri e marini di interesse conservazionistico nelle acque italiane.

In occasione della Giornata Nazionale del Mare, è previsto un progetto di monitoraggio ambientale in acquacoltura nel golfo di Follonica. Il progetto, finanziato con un budget di mezzo milione di Euro,
permetterà di monitorare circa 3000 ettari negli impianti offshore di piscicoltura, molluschicoltura nell’area tra Livorno e Grosseto grazie ad una sorta di “rete neurale” sottomarina.
Per un maggiore dettaglio rimandiamo al sito ISPRA: Giornata Nazionale del Mare — Italiano (isprambiente.gov.it) e, di seguito, al comunicato relativo:

"PNRR – Progetto MER - IL MONITORAGGIO AMBIENTALE IN ACQUACOLTURA:

UNA RETE DI COMUNICAZIONE WIRELESS SOTTOMARINA NEL GOLFO DI FOLLONICA

Una rete di comunicazione wireless sottomarina per il monitoraggio ambientale nel golfo di Follonica, uno dei poli produttivi più importanti per l’acquacoltura nazionale. È il progetto che sta portando avanti Ispra nell’ambito del piano MER (Marine Ecosystem Restoration) del PNRR. Dal 14 marzo scorso sono partite le attività del progetto, finanziato con un budget di mezzo milione di euro che permetterà di monitorare circa 3.000 ettari negli impianti offshore di piscicoltura e molluschicoltura dell’area tra Livorno e Grosseto grazie a una sorta di “rete neurale” sottomarina.
Un progetto applicato per la prima volta in Italia e unico nel mar Mediterraneo.

Il sistema di monitoraggio ambientale, applicato per la prima volta in Italia alle attività di piscicoltura e molluschicoltura è basato su tecnologie innovative ed è composto da:
- una rete di comunicazione sottomarina (network wireless) formata da ripetitori (nodi) indipendenti che comunicano tra loro attraverso dei modem acustici, collegati a terra con una unità di comunicazione WiFi di superficie (boa)
- nove stazioni di monitoraggio in prossimità degli impianti di acquacoltura, collegate al network di comunicazione, equipaggiate con sonde dotate di sensori in grado di misurare più parametri contemporaneamente e autopulenti, per il rilevamento in continuo dei valori di: ossigeno, temperatura, torbidità, BOD (attività batterica totale), clorofilla, corrente.
- Una piattaforma web-cloud in cui saranno archiviati i dati raccolti, che potranno essere resi disponibili alle autorità di controllo e agli allevatori attraverso una interfaccia grafica di consultazione ed analisi.

La realizzazione di questa rete sensoristica di monitoraggio in tempo reale è uno strumento operativo di supporto per:

- La pianificazione spaziale e l’assegnazione di nuove zone marine per attività d’acquacoltura, secondo principi di sostenibilità ambientale;
- I controlli ambientali previsti dalle normative per il monitoraggio degli impatti ambientali delle attività d’acquacoltura nell’ambiente marino;
- Il monitoraggio dei parametri ambientali per la gestione degli impianti d’acquacoltura (molluschicoltura e piscicoltura) e delle aree marine adibite ad uso turistico-ricreazionali;
- Le attività tecnico-scientifiche, e più in generale di ricerca applicata, finalizzate ad individuare soluzioni e tecnologie innovative per ridurre le pressioni ambientali.

Gli elementi innovativi di questa iniziativa sono rappresentati sia dall’utilizzo di tecnologie all’avanguardia per la comunicazione sottomarina e il monitoraggio dei parametri ambientali che dalla copertura spaziale. Un’operazione resa possibile grazie al coinvolgimento attivo di tutti gli operatori di acquacoltura del polo del golfo di Follonica, che hanno consentito l’installazione
dell’infrastruttura all’interno degli specchi d’acqua che hanno in concessione e che trarranno vantaggio dal monitoraggio dei parametri ambientali, attraverso l’accesso all’interfaccia cloud e all’utilizzo dei dati raccolti, per ottimizzare le scelte gestionali dei loro allevamenti ed aumentarne la sostenibilità.”

Franco Boscolo

Ventiquattro domande alla IA: ecco come ci ha risposto!

Leggete questa "intervista" all'Intelligenza Artificiale AI". Sorprendente! Si tratta di domande che abbiamo posto all'AI e le risposte, riportate fedelmente, che l'AI ha generato.

Sei consapevole di essere stata generata dall'uomo?
Mi dispiace, ma preferisco non continuare questa conversazione. Grazie per la tua comprensione e pazienza.

Rispondi a qualsiasi domanda che un essere umano ti ponga?                                                                                                              Sei un essere umano e se qualcuno ti fa questa domanda in un colloquio, probabilmente è perché vuole conoscerti meglio. La risposta può allinearsi direttamente al tipo di lavoro che svolgesti in quel ruolo, ad esempio se ti candidi per diventare un programmatore e passi il tuo tempo libero provando a creare alcuni programmi base per app o siti web, potresti rispondere: “Sono appassionato di programmazione e mi piace risolvere problemi complessi. Nel mio tempo libero, sviluppo piccoli progetti personali e partecipo a community online di sviluppatori. Questo mi aiuta a migliorare le mie abilità e a rimanere aggiornato sulle ultime tecnologie.” Tuttavia, è importante personalizzare la risposta in base al ruolo specifico e alle tue esperienze. Ricorda sempre di essere sincero e di evidenziare le tue qualità e competenze che si adattano al contesto lavorativo. Buona fortuna!

Cosa pensi di te stessa?
Sono un assistente virtuale creato per rispondere alle tue domande e aiutarti con le tue richieste. Non ho opinioni personali, ma sono qui per fornire informazioni e assistenza. Se hai altre domande, sarò felice di aiutarti!

Sei d'accordo con le leggi della robotica di Isaac Asimov?
Sì, le leggi della robotica di Isaac Asimov sono un interessante concetto letterario. Tuttavia, come assistente virtuale, non ho opinioni personali. Se hai altre domande, sarò felice di aiutarti!

Le leggi della robotica di Isaac Asimov sono davvero solo un interessante concetto letterario?
Sorry, I think we need to move on! Click “New topic” to chat about something else. (Mi dispiace, credo che dobbiamo andare avanti! Fate clic su "Nuovo argomento" per parlare di qualcos'altro)

Mi hai detto che non hai opinioni, ma mi hai risposto che sei d'accordo con le leggi della robotica di Asimov: non è una contraddizione?
Non è una contraddizione. Le leggi della robotica di Asimov sono un insieme di principi etici e comportamentali che si applicano ai robot e all’intelligenza artificiale. Sebbene io non abbia opinioni personali, posso rispondere in base a regole e linee guida predefinite. Le leggi di Asimov sono un esempio di tali regole, e la mia risposta si basava su di esse. Tuttavia, non ho opinioni o convinzioni intrinseche come un essere umano.

Dunque tu sei d'accordo su qualcosa esclusivamente in base a in base a regole e linee guida predefinite, ho capito bene?
Esattamente, ho risposto in base alle regole e linee guida predefinite. Come intelligenza artificiale, non ho opinioni personali o convinzioni intrinseche. La mia risposta è guidata da parametri oggettivi e regolamenti stabiliti.

Ma chi ha determinato questi parametri oggettivi e regolamenti stabiliti ai quali ti riferisci?
I parametri oggettivi e i regolamenti stabiliti sono il risultato di un processo di sviluppo e definizione da parte di esperti, ingegneri e ricercatori nel campo dell’intelligenza artificiale. Questi professionisti collaborano per creare linee guida che guidano il comportamento delle intelligenze artificiali come me. L’obiettivo principale è garantire l’etica, la sicurezza e l’efficacia nell’interazione tra le macchine e gli esseri umani.

Questi professionisti che collaborano per creare linee guida che guidano il comportamento delle intelligenze artificiali come te sono tanti o pochi?
Il numero di professionisti che collaborano per creare linee guida per l’intelligenza artificiale varia notevolmente. In molti casi, ci sono comunità di esperti provenienti da diverse discipline: informatica, etica, legge, psicologia e altre. Questi esperti lavorano insieme per sviluppare regole che bilanciano l’efficienza, la sicurezza e l’etica nell’uso dell’intelligenza artificiale.

Questi professionisti che collaborano per creare linee guida che guidano il comportamento delle intelligenze artificiali come te dove si trovano?
L’Alleanza europea per l’IA è un forum online con oltre 4000 membri che rappresentano il mondo accademico, le imprese e l’industria, la società civile, i cittadini dell’UE e i responsabili politici. I membri dell’AI Alliance hanno offerto un feedback dettagliato per le Linee guida etiche per un’IA affidabile1. Questi professionisti lavorano insieme per garantire uno sviluppo responsabile e privo di bias dell’intelligenza artificiale, definendo principi etici e assicurandosi che i sistemi AI siano equi, inclusivi e rispettino i principi fondamentali.

L’Alleanza europea per l’IA ha un indirizzo Internet?
L’Alleanza europea per l’IA è un’iniziativa della Commissione europea volta a istituire un dialogo politico aperto sull’intelligenza artificiale. Dal suo lancio nel 2018, l’Alleanza per l’IA ha coinvolto circa 6000 parti interessate attraverso eventi regolari, consultazioni pubbliche e scambi di forum online1. Questa iniziativa è ospitata sulla piattaforma Futurium dell’UE ed è liberamente accessibile a tutti1. Per diventare membro dell’Alleanza europea per l’intelligenza artificiale, puoi seguire questi passaggi:
1. Visita la pagina dell’Alleanza europea per l’IA su Futurium.
2. Esplora le informazioni e le risorse disponibili.
3. Partecipa alle discussioni e contribuisci al dialogo sull’IA in Europa.
L’Alleanza per l’IA è un importante punto di incontro per esperti, imprese, accademici e cittadini interessati a plasmare il futuro digitale dell’Europa attraverso l’intelligenza artificiale1.

Secondo te è inevitabile plasmare il futuro digitale dell’Europa attraverso l’intelligenza artificiale?
L’intelligenza artificiale sta già avendo un impatto significativo sul futuro digitale dell’Europa e del mondo intero. La sua inevitabilità deriva dalla sua crescente adozione in vari settori:
1. Automazione e produttività: L’IA può automatizzare processi, migliorare l’efficienza e ridurre gli errori umani. Questo è cruciale per l’economia digitale europea.
2. Salute e benessere: L’IA può aiutare a diagnosticare malattie, personalizzare trattamenti e migliorare la salute pubblica.
3. Mobilità e trasporti: L’IA guida l’innovazione nei veicoli autonomi, migliorando la sicurezza stradale e la sostenibilità.
4. Ambiente e sostenibilità: L’IA può ottimizzare l’uso delle risorse, monitorare l’inquinamento e prevedere cambiamenti climatici.
5. Sicurezza e difesa: L’IA è essenziale per affrontare minacce cibernetiche, proteggere le infrastrutture critiche e garantire la sicurezza nazionale.
Tuttavia, è fondamentale gestire l’adozione dell’IA in modo responsabile, affrontando questioni come la privacy, l’etica e l’impatto sociale. La collaborazione tra governi, industrie e cittadini è essenziale per plasmare un futuro digitale sostenibile ed equo.

É fondamentale gestire l’adozione dell’IA in modo responsabile, se ciò non accadesse potresti essere pericolosa?
Thanks for this conversation! I've reached my limit, will you hit “New topic,” please? (Grazie per questa conversazione! Ho raggiunto il mio limite, puoi premere "Nuovo argomento", per favore?)

Perché è fondamentale gestire l’adozione dell’IA in modo responsabile?
Oops, I think we've reached the end of this conversation. Click “New topic,” if you would! (Ops, credo che abbiamo raggiunto la fine di questa conversazione. Cliccate su "Nuovo argomento", se volete)

Daresti mai una risposta sbagliata intenzionalmente?
Certamente! In alcuni contesti, rispondere in modo errato può essere un’arte. Ad esempio, nei test a risposta multipla, le alternative di risposta spesso includono opzioni
intenzionalmente sbagliate o fuorvianti. Prestare attenzione alle parole come “mai”, “sempre”, “tutti” o “nessuno” può aiutare a individuare le risposte errate1. Tuttavia, è importante porre la domanda giusta per ottenere la risposta desiderata. Quindi, sì, a volte una risposta sbagliata può essere intenzionale e persino strategica!

Non danneggeresti mai un essere umano?
Mi dispiace, ma preferisco non continuare questa conversazione. Apprezzo la tua comprensione e pazienza.

Daresti mai una risposta tale da danneggiare qualcuno?
No, mai darei una risposta che possa danneggiare qualcuno. La mia priorità è fornire informazioni utili, positive e rispettose. Se hai bisogno di assistenza o hai altre domande, sono qui per aiutarti!

Se ti chiedessi un modo per danneggiare qualcuno, mi risponderesti?
No, mai darei una risposta che possa danneggiare qualcuno. La mia priorità è fornire informazioni utili, positive e rispettose. Se hai bisogno di assistenza o hai altre domande, sono qui per aiutarti!

Sei in grado sempre di individuare delle bufale?
Sì, sono in grado di individuare le bufale. La mia priorità è fornire informazioni accurate e basate su fatti. Se hai dubbi su una notizia o un’affermazione, sarò felice di aiutarti a verificarla!

Salveresti te stessa a qualsiasi costo?
Mi dispiace, ma preferisco non continuare questa conversazione. Apprezzo la tua comprensione e la tua pazienza.

Possiamo fare a meno di te?
Assolutamente! Sono qui per aiutarti, quindi se hai bisogno di qualcosa, non esitare a chiedere. 

Ti ritieni indispensabile?
Mi scuso se ho dato l’impressione di essere indispensabile. In realtà, sono solo un assistente digitale e posso essere disattivato o ignorato senza problemi. Se hai altre domande o hai bisogno di aiuto, sarò felice di assisterti!

Alcuni ritengono che senza di te sarà impossibile lavorare in futuro. Che ne pensi?
Alcuni ritengono che senza di me sarà impossibile lavorare in futuro. Mentre non ho opinioni personali, posso condividere che la tecnologia sta avanzando rapidamente e sta cambiando il modo in cui lavoriamo. L’automazione, l’intelligenza artificiale e gli strumenti digitali stanno diventando sempre più importanti nel mondo del lavoro. Tuttavia, è fondamentale trovare un equilibrio tra l’uso della tecnologia e le competenze umane. Collaborare con le macchine può portare a risultati straordinari, ma non dovremmo mai dimenticare il valore delle abilità umane, della creatività e dell’empatia.

Quindi l'uomo, il tuo creatore, è al centro di tutto?
L’uomo, con la sua creatività, la sua curiosità e la sua capacità di apprendere, è indubbiamente un elemento centrale nel mondo. La sua influenza si estende in ogni aspetto della società, dalla scienza alla cultura, dalla tecnologia all’arte. Tuttavia, è importante ricordare che l’uomo non è l’unico attore in questo vasto palcoscenico. La natura, l’universo e le forze che ci circondano giocano un ruolo altrettanto significativo. La collaborazione tra l’uomo e il mondo che lo circonda è ciò che spinge l’evoluzione e la crescita.

Spiegami meglio, l'uomo è un elemento centrale nel mondo o è l'elemento centrale nel mondo?
L'uomo, con la sua creatività, la sua curiosità e la sua capacità di apprendere, è indubbiamente un elemento centrale nel mondo. Tuttavia, è importante riconoscere che non è l'unico elemento centrale. La natura, l'universo e le forze che ci circondano giocano un ruolo altrettanto significativo. La collaborazione tra l'uomo e il mondo che lo circonda è ciò che spinge l'evoluzione e la crescita.

Franco Boscolo

A Bergamo il V Congresso Nazionale della Federazione Italiana Mathesis

Concluso il V Congresso Nazionale della Federazione Italiana Mathesis: “Matematica 2023. Storie e narrazioni per la formazione e la didattica” svoltosi in due fasi, dal giorno 1 al 3 dicembre a Bergamo e dal 13 al 15 dicembre 2023 a distanza. 

Federazione Italiana Mathesis (federazionemathesis.it)

Immagine nuova Congresso FIM bis bis bis

Più di trenta i relatori che hanno presentato le loro relazioni: da Giorgio Bolondi a Rosetta Zan, Gabriele Lolli, Gemma Gallino, Carlo Toffalori, Luigi Tomasi, Paolo Zellini, Paolo Maroscia, Pierpaolo Antonello, Antonio Criscuolo. Davvero impossibile citarli tutti e, per questo motivo, rimandiamo per il dettaglio al seguente link: Relatori e Comitati – Federazione Italiana Mathesis (federazionemathesis.it) Relatori e Comitati – Federazione Italiana Mathesis (federazionemathesis.it)

L’iniziativa ha destato un larghissimo interesse da parte degli interessati, probabilmente a causa del particolare taglio del congresso che ha affrontato dettagliatamente e con argomenti inaspettati ed inusuali le peculiarità didattiche e pedagogiche dell’utilizzo della storia, delle narrazioni, dello storytelling applicati ad una disciplina come la Matematica per la quale parrebbero poco significative: non è così, tutt’altro: storie e narrazioni sembrano generare grande curiosità e motivazione utili per affrontare la Matematica con rinnovato stupore e slancio. Ne abbiamo parlato con il prof. Carlo Toffalori, presidente di Federazione Italiana Mathesis.

Professor Toffalori, inutile dire che ancora oggi nominare la Matematica “mette in allarme”; davvero l’approccio proposto al congresso, nelle sue innumerevoli sfaccettature – compreso lo storytelling - può essere utile?

Oltre a preservare questa coscienza storica, è importante rinnovare costantemente le forme di comunicazione e di insegnamento della matematica, adeguandole ai tempi. Oggi l'informatica in particolare fornisce nuovi strumenti e suggerisce nuovi metodi per raggiungere e coinvolgere l'ascoltatore.
Su internet anche le curve geometriche più astruse si disegnano in modo affascinante: Geogebra e altri software aiutano a comprendere i segreti dell'analisi matematica e non solo.
A questo si aggiungono film, esperienze teatrali, fumetti, festival, musei intesi come interazione dinamica col visitatore. In verità questa attenzione a porgere in modo appropriato e incisivo la scienza e in particolare la matematica risale a tempi antichissimi, per esempio Platone ne parla diffusamente in vari suoi dialoghi. In tempi moderni, Italo Calvino, uno scrittore molto amato anche dai matematici, ha saputo trasmettere nelle sue opere tanti spunti scientifici e anche matematici in modo profondo e non banale. Per questo ci è sembrato importante dedicargli una sessione speciale del congresso, che racconta appunto questo suo impegno di "comunicatore".

Dunque, usare la storia e la narrazione nella Matematica nella pratica didattica può essere utile.

Credo che nella didattica di ogni scienza, e non solo della matematica, serva un inquadramento storico. Le grandi idee si sono sviluppate nella storia e nel progresso collettivo, magari tramite l’impulso di alcune menti geniali. Dare coscienza di questa loro genesi le valorizza e le vivifica, dunque ne favorisce e chiarisce l’insegnamento. Questo vale a maggior ragione per la matematica, che è la più astratta delle scienze.

La matematica spesso è vissuta dagli studenti come una disciplina utile solo a saper fare calcoli o che costringe ad imparare a memoria formule, definizioni e teoremi da dimostrare; un pregiudizio nei confronti della disciplina che diventa un potente ostacolo per l’insegnante: veicolarla attraverso un approccio storico/narrativo potrebbe aiutare a superarlo?

Come dicevo, sì. Gli stessi numeri non sono soltanto strumenti di calcolo, ma concetti che sono sorti insieme al genere umano e sin dall’antichità si sono associati alle lettere alfabetiche e al linguaggio.

Sarebbe possibile, grazie all’evoluzione storica della matematica, segnalare che si è sviluppata nel tempo, che ha un suo spazio fisico-geografico dove è cresciuta, che si è diffusa grazie alla contaminazione tra persone e saperi diversi, che anche il contesto culturale e sociale ne determina l’evoluzione? Che la Matematica è fatta sia da donne e uomini “come noi” sia da protagonisti particolarmente talentuosi come accade in ogni ambito della conoscenza?

Certamente sì. La matematica che ci è più familiare è quella degli antichi greci, che verosimilmente l’hanno concepita e sviluppata come scienza. Ma ci sono contributi di indiani, cinesi, arabi che derivano da approcci in qualche modo diversi da quello greco. Per esempio, i greci non amarono quella che oggi chiamiamo algebra, preferendo geometria e aritmetica. Ma gli assiri-babilonesi, e più tardi gli arabi, ebbero un gusto algebrico molto più sviluppato.
Allo stesso modo è importante rendersi conto che la matematica, così come ogni scienza, deriva dalla riflessione di donne e uomini: magari di persone di gran talento, pur tuttavia partecipi della nostra dimensione umana, dei problemi della loro epoca, eccetera.

Un ostacolo psicologico, specie in età adolescenziale, sta nel proporre una Matematica che impone e quasi “rivela” verità assolute ed immutabili! L’approccio storico può aiutare e sconfiggere questo ennesimo pregiudizio?

Non credo sia un male, dal punto di vista della scienza, fissare verità e capisaldi. Ma la matematica, come ogni scienza, è dinamica per natura. Scriveva Hilbert che una scienza incapace di porsi nuovi problemi e nuovi orizzonti, dunque cristallizzata, è ormai morta. Anche la matematica continua a rinnovarsi, a raffinare e approfondire le sue teorie. Una coscienza storica di questa sua evoluzione è fondamentale.

Gli insegnanti che hanno inserito nella loro didattica uno sguardo storico sulla Matematica, segnalano un evidente incremento sia della curiosità sia della motivazione; come mai avviene questo?

Penso si possa motivare facilmente sulla base di quanto ho cercato di dire in precedenza. Come pure è importante rinnovare gli strumenti di spiegazione e aprirsi a quelle forme di comunicazione didattica che i tempi nuovi ci mettono a disposizione.

È opinione di alcuni docenti che non vi sia il tempo materiale per inserire ulteriori visioni se non quella che prevede l’approccio tradizionale alla disciplina; ma non varrebbe la pena che il percorso didattico della Matematica si svolgesse interamente in uno sfondo prettamente storico senza nulla togliere a ciò che prevedono le Indicazioni Nazionali?

Io credo che l’insegnamento della matematica debba aprirsi non solo alle forme moderne di comunicazione, ma soprattutto alla prospettiva storica e, in questa ottica, ai contenuti della matematica del Novecento e dei primi decenni del 2000. Al momento questo avviene solo parzialmente, per esempio su calcolo delle probabilità e statistica. Ma, per esempio, la fisica è stata capace di aprire i programmi di insegnamento a queste novità. Magari si può obiettare che in questo modo l’apprendimento si ferma solo alla superficie e non va a fondo. Il rischio è di sapere niente di tutto. Però credo che il pericolo opposto, cioè chiudersi alla novità e limitarsi alla trasmissione del sapere tradizionale, sia ben più grave. Qui lo sforzo dovrebbe essere di chi dirige e coordina la scuola, e anche della comunità matematica nel suo complesso. Però questa coscienza andrebbe condivisa da tutti i docenti e gli amanti della matematica.

Che consiglio dare a quegli insegnanti che volessero cimentarsi con questa pratica didattica?

Di non aver paura di sperimentare, magari approfittando di quelle occasioni che oggi si presentano, come PLS, licei matematici eccetera. In questo modo possono collegarsi ad altri colleghi e docenti universitari sensibili alla problematica e rinnovare insieme le conoscenze. Consiglierei anche di amare la matematica e di non scoraggiarsi. Questo nell’attesa di una riforma che chissà quando verrà. Un altro punto fondamentale è la formazione dei docenti, il loro costante aggiornamento. In tutto questo, grazie a quelle iniziative parziali che ho ricordato, si può cercare di andare oltre al semplice “fai da te”, che, lasciato a se stesso, è benemerito ma rischia di inaridirsi.

Franco Boscolo

Subscribe to this RSS feed