Un duo musicale ecclettico e versatile: Christine Plaickner e Rolando Biscuola

E' raro imbattersi in un duo musicalità non solo versatile ed eclettico, ma anche di sicuro talento efficacia e di notevole efficacia espressivo come quello formato da Rolando Biscuola (chitarra acustica) e Christine Plaickner (flauto), il cui repertorio spazia, senza problemi, dalla musica "classica" (sul lemma ci sarebbe da discutere, anche se chi scrive crede sia comunque tuttora una definizione appropriata) al rock non "hard" (del resto la scelta della chitarra classica va decisamente in questo senso), alla musica, più che "folk" (è ormai termine in disuso o meglio che si presta ad equivoci), "dei popoli", delle diverse culture del mondo, con risultati eccelsi.

Di recente si sono prodotti in concerti di notevolissimo spessore, entusiasmando il pubblico presente, anche quando la circostanza di partenza (per es. la presentazione di un libro che di per sé magari non atteneva alla musica proposta se non molto alla lontana) non era di per sé molto favorevole. Entusiasmare oggi, nel nostro mondo iper-informato e -informatico, in cui stimoli visivi, sonori, verbali, grafici etc. sono prossimi all'overkill informativo è cosa rara; se lo si sa fare con la competenza nata dalla preparazione e dalla reale capacità musicale, la cosa è ancora più lodevole.

Se si sanno esaltare dei ragazzi/delle ragazze quindicenni per il look e l'aspetto fisico, per la provocazione, è un conto (con tutto il rispetto), se lo si sa fare con un pubblico adulto (ampiamente adulto, in certi casi) ricorrendo alle doti musicali, il discorso è certamente un altro, meritando , riteniamo, un apprezzamento ben diverso. Si tratta, in sintesi, di un duo che merita molta attenzione e notevole considerazione, dato che si sottrae all'interesse corrivo che deriva da quei mass-media che prestano attenzione alla sola fascinazione del momento (e a questo proposito cfr.sopra) e delle mode, che passano ormai, oseremmo dire, in qualche secondo se non nanosecondo.

Eugen Galasso

Last modified onDomenica, 05 Giugno 2016 14:32
More in this category: Tributo ai Led Zeppelin a Firenze »

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.