Il senatore Marcucci (PD) chiede Ministri più adeguati e viene smentito dal suo segretario.

Decisamente, anche dopo le elezioni non certo "vinte", ma neanche "perse", il Governo dorme sonni tranquilli.

In particolare, il PD con il senatore Andrea Marcucci, che ieri ha praticamente chiesto un rimpasto, domandando che i ministri siano adeguati a fronteggiare l'emergenza Covid, il che sembra proprio che equivalga ad una quasi-sfiducia, ha dovuto fare marcia indietro e ritrattare, venendo smentito dallo stesso segretario PD Zingaretti, che invece riafferma lealtà. ...

Uno spettacolo grottesco, dato da un partito pessimo erede, in questo, del PCI, partito dove i dissensi c'erano, ma si consumavano nel chiuso delle sedi, mentre poi ci si presentava"ad extra", ossia all'opinione pubblica, compatti. Pessima modalità, ma quella era! 

E' ben vero che oggi, proprio durante l'emergenza, la popolazione, la "ggente" (come diceva Veltroni) vuole compattezza, non posizioni indecise e titubanti-contraddittorie. Ma si può pensare che i confronti politici avvengano a viso aperto! Anche dentro i partiti se si vuol arrivare ad individuare i percorsi più adeguati per uscire da una fase che mostra molti problemi e pochi aspetti positivi. E' questa la formula della democrazia: dire quello che si pensa e confrontarlo con chi ha una opinione diversa, e con rispetto dell'altro costruire una linea condivisa.

Ma tornando alla situazione della nostra politica nazionale, è un fatto che, prima o poi, il Governo dovrà fare i conti con le proprie incongruenze, anche perchè si annunciano ulteriori restrizioni e forse dei lockdowns mirati, forse a livello locale.

Eugen Galasso

Last modified onSabato, 31 Ottobre 2020 15:09

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.