summertime

Gentiloni compie un anno di governo

Il governo di Paolo Gentiloni compie un anno. Il "ragazzo" di 63 anni, di origini aristocratiche, laureato in scienze politiche, da studente extra-parlamentare di sinistra, poi pian piano avvicinatosi alla politica istituzionale, divenendo membro della "Margherita" poi confluita nel PD, membro della giunta Rutelli, più volte ministro, come premier viene riletto criticamente da Claudio Martelli nel "Quotidiano Nazionale" del 12/12/2017.

Martelli ne rileva aspetti positivi, o parzialmente positivi (nazionalizzazione del Monte dei Paschi di Siena, salvataggio - ma solo parziale - delle banche minori), la riconferma (ma è un aspetto positivo, una decisione da sottoscrivere? Anche Martelli ne rileva le criticità, giustamente, avendo Gentiloni seguito la corrente del Colle e non solo...) del governatore di Bankitalia Visco, mentre sul tema immigrazione, per es., Gentiloni sembava incline al buonismo dell'ipercattolico Del Rio piuttosto che alla linea della fermezza del ministro dell'Interno Minniti...

Sulla gestione del territorio e dell'emergenza del terremoto, Martelli affonda la sua lente critica, rilevando opportunamente come sia la nomina di Vasco Errani (nominato invero da Renzi, ma poi confermato da Gentiloni) prima, poi quella di Paola De Micheli, sia ispirata da criteri meramente politici e anzi "politicistici" (la De Micheli, a differenza di Errani, ora entrato nel movimento "Liberi e Uguali", di D'Alema e Bersani, ma coordinato da Pietro Grasso, è una "renziana", se pur vagamente "critica").

Complessivamente Gentiloni appare personaggio fin troppo "rassicurante", non particolarmente incisivo, per non dire altro...

Eugen Galasso

Last modified onGiovedì, 14 Dicembre 2017 07:24

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.