Questo sito utilizza cookies tecnici, di profilazione anche di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente. Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante ACCETTO, ne consenti l'utilizzo.

Didattica della matematica – linguaggi – fantasia: a Castel San Pietro Terme il 31° Convegno di "Incontri con la matematica"

Si sono conclusi i lavori del 31° Convegno Nazionale di Incontri con la Matematica dal titolo “Matematica, Didattica e Scuola: fra ricerca e prassi quotidiana”, sotto la direzione di Bruno D’Amore, Martha I. Fandiño Pinilla e Silvia Sbaragli. Presenti quasi 1.000 docenti d’ogni ordine scolastico. Il Convegno si è svolto nella consueta cornice di Castel San Pietro Terme, aperto a tutti gli insegnanti a partire dalla scuola dell’Infanzia.


Il titolo del convegno ben evidenzia la linea ormai consolidata dei congressi organizzati a cura del prof. D’Amore e del suo staff, cioè l’interazione tra lo studio ed il lavoro sul campo, tra la ricerca e l’applicazione in classe facendo perno sulla didattica della matematica; una scuola che dialoga con la ricerca, un tandem accademia-scuola utile anche per accrescere il pensiero critico.

Assieme a questa caratteristica ne viene esaltata un’altra: la verticalità dell’esperienza del Convegno, nel momento in cui le pratiche diverse del percorso scolastico, dalla scuola dell’Infanzia all’Università, vengono a stretto contatto e si confrontano in modo che ogni insegnante sia consapevole di cosa accade, cronologicamente, prima del suo intervento e cosa accadrà dopo.

Particolare attenzione anche alla fantasia che parrebbe non essere di casa nel mondo dei matematici, ma non è così. Certo bisogna intendesi: per esempio, in un Teorema dato non c’è spazio per la fantasia, mentre questa è indispensabile per spiegarlo e ci vuole fantasia per indovinare l’aspetto giusto con cui comunicare la matematica attraverso le diverse strade che si hanno a disposizione.

Altro aspetto messo in luce è quello che vede la Matematica come luogo della ricerca e della prassi tra tutte le discipline comprese quelle del linguaggio (a tal proposito si è ricordato il volume di Carlo Bernardini e Tullio De Mauro, “Contare e raccontare. Dialogo sulle due culture” ed. Laterza, 2005), la matematica che crea inclusione ed intercultura e, per tanto, è fondamentale nella costruzione della mente e del pensiero.

L’appuntamento annuale con questo Convegno ha ormai valenza internazionale (sono presenti ospiti dalla Colombia, dalla Svizzera ecc.) ed è sicuramente da calendarizzare a fronte della possibilità che hanno i docenti di approfondire i temi della matematica concentrandosi sulle buone pratiche d’aula: il Convegno fornisce una formazione completa nel settore della didattica della matematica per tutte le scuole consegnando agli insegnanti buone pratiche immediatamente spendibili in classe senza escludere l’arricchimento personale ed il rinnovato entusiasmo indispensabile per coinvolgere nuovamente alunni e colleghi.

L'organizzazione scientifica e didattica del Convegno è stata curata dal NRD di Bologna e dall'Associazione Incontri con la Matematica con la collaborazione di Formath.
Anticipiamo del date del 32° Congresso: 9, 10 e 11 Novembre 2018.

Franco Boscolo

Last modified onSabato, 18 Novembre 2017 10:27

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.