summertime

"Più Europa". Più di questa Europa?

Il partito radicale, un tempo movimento di opinione, comunque sempre fortemente minoritario (i glorydays radicali risalgono a fine anni 1970-inizio 1980), dalla morte di Pannella in poi, ossia da più di un anno e mezzo, è "in grave sofferenza", per usare un eufemismo, da politically correct.

C'è una fazione post-pannelliana e una che si rifà ad Emma Bonino, che ha prevalso nell'indirizzare l'azione del partito, che vuole essere "più Europa", con un piatto accomodamento alle regole europee in campo economico e politico, accettando tutto quanto dall'Europa arriva (Moscovici, Merkel, Schaeuble e ora non sappiamo bene chi altri ancora ... le trattative per la formazione del governo in Germania sono ancora in corso, pur se la "Grosse Koalition" tra CDU-CSU (sic!) e SPD è stata riproposta), esaltando la "globalizzazione" non come "male necessario" ma come elemento di progresso, foriero di "magnifiche sorti e progressive"...

C'è solo da sperare che a livello elettorale i risultati radicali dela lista "Più Europa" rimangano da prefisso telefonico, in specie per quanto riguarda la fazione "boniniana", iper-europeista....

Eugen Galasso

Last modified onSabato, 20 Gennaio 2018 18:31

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.